Il mio account

La variabile controllo negli autori di violenza

L’equipe dell’A.I.P.C. dall’analisi dei numerosi dati raccolti applicando il protocollo scientifico integrato A.S.V.S.  sta evidenziando la ricorrenza della variabile controllo nelle vittime e negli autori di violenza. In particolare, tra la popolazione femminile. Per approfondimenti vai su www.formazionecontinuaviolenza.it 

L’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia ha organizzato in data 14 luglio 2021 dalle ore 19:00 alle ore 20:00 il webinar dal titolo: “La variabile controllo negli autori di violenza”. Il webinar riporta uno dei risultati della decennale ricerca scientifica condotta dall’equipe multidisciplinare di professionisti volontari. 

L’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia – APS è una no-profit fondata nel 2001, un’equipe multidisciplinare di professionisti volontari che si occupa della violenza in genere, in modo circolare e che si avvale di collaborazioni istituzionali. 

Nel 2011, con la collaborazione particolare della dott.ssa Tiziana Calzone, della dott.ssa Carmen Pellino e del dott. Massimo Lattanzi, è stato strutturato il protocollo scientifico integrato A.I.P.C. Scientific Violence Screening che prevede un assessment specifico della valutazione del rischio.

Il dott. Massimo Lattanzi, psicologo psicoterapeuta e PHd e coordinatore dell’A.I.P.C. inizia la sua relazione ricordando la prossima FCV LIVE su Facebook del 20 luglio sui delitti familiari che approfondirà la strage di Rivarolo.

Nella pratica clinica quotidiana, prosegue il dott. Lattanzi, si riscontra una significativa presenza del bisogno di controllo essenzialmente nella popolazione femminile.  

Il bisogno di controllare il mondo – le relazioni, continua il dott. Lattanzi, è una costante nei vissuti delle persone che vivono una relazione disfunzionale e violenta e che hanno vissuto alcune A.C.E.’s (Esperienze Avverse Infantili). Le esperienze avverse infantili, specifica il dott. Lattanzi, possono determinare la scelta del partner, essere gli inneschi (trigger) degli agiti aggressivi e violenti verso sé stessi e gli altri, essere l’origine di dipendenze e dei disturbi alimentari.  

Il dott. Lattanzi descrive brevemente il protocollo scientifico integrato A.I.P.C. Scientific Violence Screening che prevede la raccolta delle A.C.E.’s Esperienze Avverse Infantili, fa visionare una slide delle A.C.E.’s ricorrenti identificate dall’equipe in circa venti anni, poi continua con la descrizione del protocollo facendo un breve cenno all’assessment applicato per tracciare il Profilo di personalità, il profilo Genitoriale e quello psicofisiologico.

In conclusione, il dott. Lattanzi, ricorda che in autunno riprenderanno i trial sollecitando i partecipanti a sensibilizzare i parenti, i conoscenti e i CAV a fare degli invii, in particolare, di adolescenti e giovani adulti che hanno vissuto delle ACE’s e manifestano dei disagi nelle relazioni interpersonali; la somministrazione del protocollo e la conduzione dei training prevede un contributo minimo o una libera donazione.

È possibile richiedere un orientamento gratuito tutti giorni, festivi compresi, anche nei mesi di luglio ed agosto dalle ore 12:00 alle ore 16:00, chiamando il numero 3924401930, Inviando un messaggio WhatsApp al numero 3920666515 o scrivendo sulle chat attive nei siti www.formazionecontinuaviolenza.it e www.traumaeviolenza.it. 

Qui è possibile ascoltare il podcast: “La variabile controllo negli autori di violenza”.

AIPC Editore © 2021 – Riproduzione Riservata

Sintesi del Webinar svoltosi il 25 novembre “La CONOSCIENZA come prevenzione della VIOLENZA”.

Nell’ambito della Campagna di prevenzione sulla violenza è stato organizzato il webinar La CONOSCIENZA come...

Podcast “l’omicidio del branco di adolescenti”

Nel podcast il dott. Massimo Lattanzi e le giornaliste Elisabetta Zazza e Priscilla Rocco...

Ebook “l’omicidio del branco di adolescenti”

Nell’ebook il dott. Massimo Lattanzi e le giornaliste Elisabetta Zazza e Priscilla Rocco analizzeranno...

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui