Il mio account

Donne che uccidono, violenza da partner intimi e psicologia forense (prima parte)

(Walker, Temares, Diaz & Shapiro, 2023)

Il tema dell’omicidio commesso da una donna viene spesso sensazionalizzato e reso banale dai media, che spesso non si soffermano sulla complessità del caso che viene riportato. Le donne ritratte in questi contesti sono spesso bidimensionali, i moventi per l’omicidio sono spesso raccontati solo sommariamente e ridotti all’emergere di una furia omicida (Walker, Temares, Diaz & Shapiro, 2023).

Tuttavia, le principali vittime di omicidi commessi da donne non sono uomini sconosciuti, vittime di un impulso mal controllato, ma uomini con cui avevano una relazione violenta dalla quale sentivano di doversi proteggere.

Qui è possibile ascoltare i podcast di Formazione Continua Violenza sul canale Spotify dell’A.I.P.C.

https://open.spotify.com/show/3CWpZW8pFqFexLfg1CiOWQ?si=oNN7YmmLQMq0crAEVeYH-w

Come affermato dai professionisti volontari dell’AIPC, le motivazioni dell’Intimate Partner Homicide (IPH) variano tra uomo e donna: la motivazione principale per una donna che commette quest’atto è la legittima difesa, o la legittima difesa preventiva (AAVV, 2021).

È possibile trovare i riferimenti più approfonditi dei temi trattati sui siti www.delittifamiliari.itwww.formazionecontinuaviolenza.it, www.traumaeviolenza.it, www.epigeneticamente.it o scrivere alla e-mail aipcitalia@gmail.com.

Varie raccolte di dati statistici, infatti, (Federal Bureau of Investigation, 2019; AAVV, 2023) mostrano una grande discrepanza nel numero di omicidi commessi da donne e da uomini. In generale, negli Stati Uniti, nel 2020, solo l’11% degli omicidi sono stati commessi da donne; e, negli omicidi in cui vi era un rapporto tra la vittima e l’autore, solo il 2% delle vittime erano classificate come fidanzati. I dati sul genere degli autori di omicidio sono riscontrabili anche in Italia: come ricordano i professionisti volontari dell’AIPC, nella rubrica relativa ai delitti familiari commessi nell’anno 2022, su un totale di 366 autori di omicidi, tentati omicidi, suicidi e tentati suicidi, l’87% percento sono uomini (AAVV, 2023).

Lo sportello di ascolto ed orientamento dell’A.I.P.C. sulla violenza è dedicato a tutte le persone senza distinzione di genere e di ruolo ricoperto (vittime, autori e familiari) e propone a richiesta e con il versamento di un contributo spese, una valutazione psicodiagnostica e psicofisiologica e training individuali, di coppia, di gruppo e familiari. Per chi si occupa o intende occuparsi di violenza con strumenti scientifici l’A.I.P.C. propone, con il versamento di un contributo spese, in presenza o a distanza, una formazione specialistica e una supervisione sia individuale che di gruppo.

Il numero unico A.I.P.C. è il 3924401930 attivo tutti i giorni festivi compresi dalle ore 12:00 alle ore 16:00 e la e-mail è aipcitalia@gmail.com.

Pertanto, va sottolineato che la percentuale di donne che uccidono i loro partner, comparato con il numero di uomini che commettono femminicidi, è davvero esigua e presenta caratteristiche e moventi diversi (Federal Bureau of Investigation, 2019).

Nella popolazione carceraria, il numero di donne è esiguo, raggiungendo un 16% dell’intera popolazione e ancora minore è la percentuale di esse che hanno commesso crimini violenti, anche tra coloro che sono state condannate all’ergastolo, con o senza condizionale (The Sentencing Project, 2021; Nellis, 2021).

DONACI IL 5×1000. Nella dichiarazione dei redditi inserisci il nostro Codice Fiscale: 97238660589

In molti casi, le donne che hanno ucciso un partner che le maltrattava non hanno avuto la possibilità, in ambito processuale, di addurre come scriminante la legittima difesa, a causa dei pregiudizi e del malfunzionamento del sistema sociale e giuridico, che non ha subito grandi miglioramenti negli ultimi decenni (Walker, 1989). Solo di recente, negli Stati Uniti, si è iniziato a ridiscutere della necessità di rivalutare le condanne passate, nei casi di omicidio per legittima difesa o per legittima difesa preventiva. Con il passaggio del Domestic Violence Survivors Act (2019), lo stato di New York ha permesso ai suoi cittadini di presentare al tribunale una richiesta per riaprire il loro caso e ottenere una riduzione della pena, nei casi in cui possano dimostrare che il loro crimine è stato commesso all’interno di una relazione violenta e da essa influenzato.

Intervista “La personalità narcisistica non va in vacanza” http://www.ilmessaggeroweb.it/2023/06/08/la-personalita-narcisistica-non-va-in-vacanza/

E-book AIPC “Rubrica Delitti Familiari Maggio 2023”. È possibile sfogliare gratuitamente l’ebook cliccando sul link: https://www.traumaeviolenza.it/2023/06/05/ebook-aipc-rubrica-delitti-familiari-maggio-2023/

Podcast AIPC “Rubrica Delitti Familiari Maggio 2023”.  È possibile ascoltare gratuitamente il podcast cliccando sul link: https://www.formazionecontinuaviolenza.it/2023/06/05/podcast-aipc-rubrica-delitti-familiari-maggio-2023/

Dopo il caso dello Stato di New York, molti altri stati hanno permesso di rivalutare alcuni casi specifici in cui la donna adduceva la legittima difesa come movente dell’omicidio per il quale era in carcere. Ciò mostra come si stia producendo un cambiamento fondamentale nella considerazione della condizione della donna, specialmente in situazioni di vulnerabilità come quella dovuta a una continua vittimizzazione dovuta alla IPV (Walker, Temares, Diaz & Shapiro, 2023). Questo cambiamento ha portato la ricerca a porsi interrogativi sulla donna come autrice di reato. In particolare, interrogandosi sui principali moventi che vengono riportati dalle autrici di omicidio: il movente più comune è la legittima difesa in situazioni di violenza domestica; l’infanticidio, spesso commesso da donne con problemi di salute mentale; e la presenza di un grave disturbo di personalità, come quello antisociale (Smith, 2020).

Bibliografia

American Psychological Association [APA]. (2022). Resolution on interrogations of criminal suspects. http://www.apa.org/about/policy/interrogations.aspx 

AA.VV. 2021. L’Intimate Partner Homicide (IPH). AIPC Editore, 2023.

https://www.formazionecontinuaviolenza.it/2021/06/22/lintimate-partner-homicide-iph/

AA.VV. 2023. Rubrica Delitti Familiari 2022. AIPC Editore, 2023.

https://www.formazionecontinuaviolenza.it/2023/01/23/ebook-aipc-rubrica-delitti-familiari-anno-trimestre-2022/

Domestic Violence Survivors Act. 2019 (60.12)

Federal Bureau of Investigation. (2019). Expanded homicide. https://ucr.fbi.gov/crime-in-the -u.s/2019/crime-in-the-u.s.-2019/topic-pages/expanded-homicide

Federal Bureau of Investigation. (September. 2021). National incident-based reporting system (NIBRS) details reported in the United States. https://crime-data-explorer.app.cloud.gov/ pages/explorer/crime/crime-trend 

Figley, C. R. (2013). Compassion fatigue: Coping with secondary traumatic stress disorder in those who treat the traumatized. Routledge.

Jackson, N. A., Campbell, K. M., & Pate, M. (2022a). The victimology of a wrongful conviction: Innocent inmates and indirect victims. Taylor & Francis.

Jackson, N. A., Pate, M., Campbell, K. M., & Shlosberg, A. (2022b). An exploratory study of “No-Crime” homicide cases among female exonerees. Journal of Aggression, Maltreatment, and Trauma, 1–18. https://doi.org/10.1080/10926771.2022.2106169

Mechanic, M. (2022). Battered women charged with homicide: Expert consultation, evaluation, and testimony. Journal of Aggression, Maltreatment, and Trauma, 1–24. https://doi.org/10. 1080/10926771.2022.2068393

Nellis, A. (2021). In the extreme: Women serving life without parole and death sentences in the United States. The Sentencing Project. https://www.sentencingproject.org/publications/in- the-extreme-women-serving-life-without-parole-and-death-sentences-in-the-united-states/

Smith, J. M., Gacono, C. B., & Cunliffe, T. B. (2020). Examining trauma symptoms and interpersonal dependency within incarcerated psychopathic and non-psychopathic women. Journal of Aggression, Maltreatment & Trauma, 1–20. https://doi.org/10.1080/ 10926771.2020.1841868

Temares, A. E., & Walker, L. E. (2022). Book review: Requiem for a female serial killer: by Phyllis Chesler, new English review press, Nashville, TN, 2020, 250 pp. Journal of Aggression, Maltreatment & Trauma. https://doi.org/10.1080/10926771.2022. 2134071

The Sentencing Project (2021). Trends in U.S. Corrections. https://www.sentencingproject.org/wp- content/uploads/2021/07/Trends-in-US-Corrections.pdf

Walker, L. E. (1989). Terrifying love: Why battered women kill and how society responds. Harper Collins.

Walker, L. E. (2017). The Battered Woman Syndrome (4th) ed.). Springer Publishing Company.

Walker, L. E., Temares, A. E., Diaz, B. N., & Gaviria, G. (2022). Psychological evaluation of battered women who kill in self-defense: A review of 34 cases. Journal of Aggression, Maltreatment, and Trauma, 1–19. https://doi.org/10.1080/10926771.2022.2068390

AIPC Editore © 2023. Riproduzione Riservata.

Ebook AIPC “Rubrica Delitti Familiari settimana dal 17 al 23 febbraio 2024”

La rubrica Weekly riporterà i casi della settimana e permetterà un monitoraggio ancora più...

Podcast AIPC “Rubrica Delitti settimana dal 17 al 23 febbraio 2024”

La rubrica Weekly riporterà i casi della settimana e permetterà un monitoraggio ancora più...

Webinar gratuito “L’algoritmo della violenza”, 14 marzo 2024 ore 17:30_19:00

L’Associazione Italiana di Psicologia e Criminologia nell’ambito della “Settimana del Cervello 2024” organizza il...

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui
Captcha verification failed!
CAPTCHA user score failed. Please contact us!